Mercato delle erbe | LEGGO L’ETICHETTA E POI?
7487
page-template-default,page,page-id-7487,ajax_fade,page_not_loaded,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.1.2,vc_responsive
 

LEGGO L’ETICHETTA E POI?

Ma chi mi dice cosa è biologico? Mi posso fidare? Mi viene voglia di rispondere polemicamente: chi ci assicura che i prodotti non biologici in vendita siano comunque in regola con i residui dei pesticidi o di altri parametri? È buffo come spesso chiediamo al prodotto biologico garanzie che non abbiamo mai osato pensare per ciò che non lo è! Ma siccome il prodotto biologico a volte è un poco più costoso e chi lo coltiva a volte usufruisce di un contributo pubblico, è giusto pretendere le garanzie.

 

In Europa c’è dal 1991 un Regolamento comune a tutti i paesi aderenti quindi il prodotto biologico di Malta ha le stesse regole dell’Italia, della Germania, dell’Irlanda e così via. Il regolamento prevede un sistema di controllo per il quale i produttori pagano il servizio e che può essere attuato da organismi privati o pubblici. Il controllore finale è comunque pubblico.

 

Il prodotto biologico è tracciabile in tutti i suoi passaggi, dal campo alla tavola, durante la conservazione e nella trasformazione. Nei prodotti confezionati in etichetta sono riportate tutte le informazioni necessarie per effettuare il controllo che come consumatori possiamo esercitare richiamando il codice ivi riportato.

 

Leggere l’etichetta è il primo passaggio per un consumo consapevole, nel bio e nel convenzionale, ma sarebbe bene informarsi anche sulle altre fasi della produzione per capire la provenienza delle materie prime, la lunghezza della filiera, la formazione del prezzo. Il Mercato dell’Erbe vuole aiutare a fare chiarezza e ad acquisire conoscenze.